Fai una richiesta
Trova una struttura in Alto Adige

Escursioni a tappe giornaliere

Alte Vie e lunghi itinerari non sono – come rivela già il loro nome - tour di un giorno solo ma sentieri che si superano solo in più tappe. E diventano sempre più popolari.

E non c’è niente da meravigliarsi. Anche se le tappe sono esigenti e lo zaino è pesante: restare più giorni in montagna, lontano dalla civilizzazione e in mezzo alla piena natura. Durante lunghi itinerari si scopre tanto e soprattutto tanto su se stessi. Escursioni a tappe giornaliere in Alto Adige devono essere progettate bene e con cura. Leggete qui cosa c’è da considerare durante la progettazione.

  • Quale è il periodo giusto per lunghi itinerari in Alto Adige?

Estate e inizio autunno. La condizione più importante però è l’apertura dei rifugi. Chiamate i rifugi e chiedete l’albergatore allo stesso tempo se c’è neve, perché in montagna capita spesso che nevica anche d’estate. Adatte il vostro equipaggiamento in base alle sue informazioni.

  • Che cosa bisogna portare nello zaino?

Prima di tutto il vostro zaino deve avere un volume di 25 l. L’equipaggiamento di base è: sacco a pelo per baite, vestiti per ogni tempo, berretto, guanti, giacca a vento, contanti, bottiglie, termos, provviste, crema solare, occhiali da sole, set pronto soccorso, mappe, lampadina tascabile (batterie), dentifricio, spazzolino da denti, medicinali, carta d’identità.

  • Quali provviste sono necessarie?

Considerate sempre che bere è più importante che mangiare. Per questo fate sempre attenzione che nel vostro zaino ci sia abbastanza acqua o succhi naturali. Il cibo invece deve essere ricco di zuccheri come frutta, cioccolata e frutta secca. Pasti caldi e panini imbottiti si possono acquistare in baita. Le montagne sono il posto sbagliato per una dieta.

  • Devo prenotare un posto per dormire?

Prima di partire, dovete informarvi se i rifugi sono aperti. Chiamate l’albergatore e chiedete contemporaneamente se è necessario prenotare un posto letto. Se fate l’escursioni con un gruppo numeroso, chiamate molto in anticipo.

  • Quanto mi costa un’escursione a tappe?

Allora: per il pernottamento con colazione dovrete pagare circa 30 €. Il calcolo dipende poi dal numero delle tappe e dalle spese per provviste acquistate durante il cammino come cioccolata, panini, pasti ecc.

  • Devo allenarmi prima di mettermi in viaggio?

Assolutamente si! Escursioni a tappe sono molto esigenti e presuppongono una buona condizione fisica. Per questo è importantissimo allenarsi prima dell’escursione.

  • Mi serve l’appoggio di una guida alpina?

No, se siete preparati bene e se avete studiato con cura carte e letteratura. Se però non siete tanto esperti, non temete di contattare guide alpine esperte.

  • Quante volte al giorno devo fare una pausa?

È importantissimo che facciate una pausa periodicamente. Bevete e mangiate più volte al giorno anche se il tempo per l’escursione si allunga. Ma siete in montagna per godervi il paesaggio e la natura e non per battere un record di velocità.

  • Che cosa faccio se il tempo cambia all’imprevisto?

Il tempo in montagna cambia spesso improvvisamente. Se ci fosse maltempo già alla partenza è consigliabile restare nel rifugio. Se invece il tempo cambiasse durante l’escursione, non cercate rifugio vicino ad alberi e ferrate isolati o acqua ma in avvallamenti.

  • Se succedesse un incidente, come mi devo comportare?

Niente panico! Mettetevi in contatto con il soccorso alpino con il cellulare, digitando il 118. Dite il vostro nome, il carattere della ferita e la vostra posizione.

A questo punto vi auguriamo un’escursione indimenticabile con il motto degli amanti della montagna altoatesina: “Berg heil!