Fai una richiesta
Trova una struttura in Alto Adige

Ferrata Sasso Nero

Lo Schwarzenstein (Sasso Nero) è una delle più importanti cime delle Alpi Aurine.

La via di salita risulta estremamente lunga se si desidera conquistare la vetta e rientrare in giornata; può essere consigliabile suddividere la fatica in due giorni pernottando nell’accogliente Rif. Vittorio Veneto.

La via ferrata è facile ma esposta, il tratto su ghiacciaio è  in debole pendenza e non vi sono crepacci.

Dal paese di San Giovanni si trova, sulla statale della Valle Aurina, (dalla parte opposta della strada rispetto alla chiesa del paese) la stretta stradicciola asfaltata che, con numerosi tornanti, conduce sino alla malga Stallia (m 1450).

Lasciata l'auto si prosegue a piedi, sino alla Daimer Alm (m 1868 – ore 1 dalla partenza). Da qui in poi la salita si fa più faticosa fino a quota m 2110 (Stabeler Stein).

Giunti in cima siamo ad un bivio, noi manteniamo la destra (segnavia 23) puntando progressivamente in direzione della Cresta di Rio Torbo. In breve siamo alla base della cresta (circa m 2750).

Affrontiamo ora la breve ma esposta via ferrata per lo più a gradoni. Superate le lunghe rampe di scale quasi verticali, seguono le ultime funi sino al termine del tratto attrezzato che richiede in tutto una scarsa mezzora.

Si raggiunge poi il rifugio Vittorio Veneto. Dopo una sosta, proseguiamo in direzione della Forcella di Rio Torbo, su terreno sconnesso privo di segnavia fino alla cima.

Discesa:

A ritroso si rientra al Rifugio Vittorio Veneto, scendiamo a valle seguendo a ritroso il sentiero descritto per la salita.