Fai una richiesta
Trova una struttura in Alto Adige

Arrampicare sulle Dolomiti

Arrampicare è un’emozione unica, chi non l’ha provato non può neanche immaginare l’emozione di arrivare in cima e ammirare il panorama dall’alto.

L’Alto Adige e le sue montagne offrono un infinito numero di possibilità per fare roccia: da pareti attrezzate all’interno, a palestre di roccia all’esterno, a vie immerse nella natura.

L’arrampicata, oltre a richiedere un certo impegno fisico richiede anche un certo impegno psicologico e mentale. Si divide in arrampicata libera e artificiale, a seconda che vengano utilizzati o meno appigli artificiali per la scalata. Ci si prepara per l’arrampicata su roccia con la così detta arrampicata indoor dove si provano tecniche, equipaggiamento e si allenano muscoli e cervello per affrontare la parete rocciosa.

Arrampicare all’aria aperta è naturalmente tutta un’altra cosa rispetto ad arrampicare in palestre al chiuso. Riuscire ad arrivare in cima da soli, con il solo aiuto delle proprie braccia e delle proprie gambe riempie di soddisfazione e aumenta di sicuro l’autostima!

L’arrampicata non è uno sport unicamente estivo, durante il periodo invernale infatti è possibile arrampicare su pareti di ghiaccio utilizzando tecniche specifiche.

Di sicuro l’arrampicata non è uno sport a cui ci si può avvicinare da soli, è consigliabile prendere alcune lezioni da un istruttore per non rischiare di farsi male e mettere a rischio se stessi e gli altri.

Occorre un’attrezzatura specifica per arrampicare composta da: staffe, ganci, chiodi, moschettoni, rinvii, corde che bisogna saper utilizzare al meglio e conoscere. Ci vuole un po’ d’impegno e di costanza per avvicinarsi a questo sport ma ne sarete pienamente ricompensati dopo la prima ascesa!

Alcune zone in cui arrampicare in Alto Adige

  • Il gruppo del Catinaccio

La dove Re Laurino veglia sul suo Catinaccio, gli appassionati delle vie ferrate trovano certo da fare: il passo Santner, la Cresta di Masarè, la Roda di Vael, sono le classiche per eccellenza.

  • Gruppo del Brenta

Appartiene al egno delle vie ferrate. In mezzo a rocce selvatiche e bizzarre, scale verticali, cavi d’acciaio su cenge fanno parte del paesaggio

  • Le Dolomiti di Sesto

In mezzo a irte rupi, gole selvagge di bizzarra bellezza, così si potrebbero descrivere le vie ferrate nelle Dolomiti di Sesto. La ferrata sul Monte Paterno è senz’altro la più nota delle tre cime di Lavaredo.