Fai una richiesta
Trova una struttura in Alto Adige
  1. Temi
  2. Natura
  3. Da vedere natura
  4. Cascata di Stanghe

Cascata di Stanghe a Racines

Una tranquilla passeggiata attraverso il bosco porta ad un torrente scrosciante fino a mostrarvi la profondità dall’alto: visitate la gola di Stanghe vicino a Racines con noi!

Venendo da est già a Casateia un cartello con la scritta “Gilfenklamm, Cascata” vi inviterà a svoltare a destra e proseguire per 3 chilometri fino a Racines di Fuori. Potrete parcheggiare subito dopo il ponte, dal quale – seguendo i cartelli, passando fra alcune case e proseguendo lungo il rio Racines – raggiungerete agevolmente l’entrata della gola dove vi chiederanno di pagare una quota d’ingresso.

Dopo l’entrata un sentiero vi porterà attraverso il bosco fino al punto dove si può attraversare il ruscello su un piccolo ponticello. A questo punto sentirete già il rumore lontano delle cascate e in men che non si dica vi troverete in alto, sopra le acque rumorose e turbolente. Già da 100 anni la gola di Stanghe è accessibile e offre una vista mozzafiato sulle acque impetuose del torrente. Su una sporgenza rocciosa troverete una piattaforma, ideale per osservare come l’acqua segue il suo corso fra le alte pareti di roccia. All’uscita della gola vi aspetta la locanda Jaufensteg, posto di ristoro ideale per gli escursionisti.

Visita alle rovine di Castel Reifenegg 

Per continuare il giro dovrete prendere la via dei prati dopo aver proseguito lungo la valle per circa 100 metri (segnaletica: rovine di Castel Reifenegg, marcatura 11B). Una volta raggiunte le case si continua per una strada asfaltata fino a Burkt, il punto più alto dell’escursione (1.235m di altitudine). Dopo 300 metri il sentiero svolta a sinistra in direzione delle rovine. Ora la via diventa molto ripida e vi porterà ad altitudini più basse fino a quando un piccolo sentiero vi farà spuntare davanti alle rovine del castello, del quale è rimasta solo la torre.

Per ritornare a valle dovrete prendere un sentiero che vi farà proseguire attraverso la boscaglia molto fitta e lungo tratti serpeggianti. Dopo aver saltato alcuni rigagnoli e dopo un muro che respinge le inondazioni vi ritroverete di nuovo davanti all’entrata della gola.